Più prevenzione e nuove alleanze, per combattere le malattie respiratorie e “costruire salute”

Oltre la metà dei pazienti che ha partecipato all’open day sui disturbi respiratori, non sapeva di essere malata o non si cura abbastanza. Ampi i margini di investimento in prevenzione e promozione della salute, con un coinvolgimento attivo di cittadini, medici di base e istituzioni.

25 maggio 2018 - Prevenzione e partecipazione. Sono queste le parole chiave che hanno caratterizzato l’open day dedicato alle malattie respiratorie organizzato sabato scorso dal poliambulatorio Apollodoro Casagit Salute, la struttura sanitaria di piazza Apollodoro 1 a Roma. L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio del II Municipio del Comune di Roma, che ha siglato con Casagit un protocollo d’intesa per l’installazione di tre defibrillatori nelle scuole del quartiere Flaminio nell’ambito del progetto #OperazioneSalvavita.

La giornata ha dato la possibilità a tanti cittadini di sottoporsi a uno screening gratuito per controllare e valutare lo stato di salute delle vie respiratorie. Il percorso messo a punto dal nostro staff ha permesso di restituire in tempo reale gli esiti di esami e visite, in modo da orientare subito il paziente sul percorso diagnostico e terapeutico più opportuno da seguire.

Le malattie respiratorie, queste sconosciute
I risultati – analizzati dall’equipe medica guidata da Massimiliano Napolitano (pneumologo), Massimiliano Del Ninno (otorinolaringoiatra) e coordinata dal direttore sanitario Giuseppe Scicchitano – confermano come queste malattie siano troppo spesso sottovalutate: oltre la metà delle persone con problemi respiratori non risulta trattata e, soprattutto tra i giovani, si osserva una tendenza a minimizzare i sintomi e ad abbandonare troppo presto le terapie. Tutti comportamenti che portano a una diagnosi tardiva, con un impatto pesante sia per il singolo sia in termini di salute pubblica.

Temi che sottolineano l’importanza etica di enti nazionali come la Casagit, che fanno della prevenzione e della solidarietà - in questo caso attraverso il poliambulatorio Apollodoro - un valore a disposizione non solo dei propri associati, ma di tutta la popolazione. “Il diritto alla salute è inalienabile ed è una nostra priorità: la sinergia con realtà che si adoperano per il benessere delle cittadine e dei cittadini è quindi fondamentale in chiave di prevenzione e promozione della salute della nostra comunità”, commentano la presidente del II Municipio, Francesca Del Bello, e l'assessore alle Politiche educative Emanuele Gisci.

I test hanno inoltre rilevato diversi casi di sonnolenza e stanchezza diurna: un campanello d'allarme su un’igiene del sonno che sta rapidamente cambiando, soprattutto tra i ragazzi, sotto la pressione di abitudini scorrette come giocare, guardare la tv o usare lo smartphone a letto.

Verso nuove alleanze
L'obiettivo della giornata - accendere un faro su patologie spesso non riconosciute o sottovalutate come asma bronchiale, riniti, apnee notturne o poliposi - è stato ampiamente raggiunto grazie alla sensibilizzazione dei numerosi cittadini che hanno partecipato allo screening: un modo concreto per fare prevenzione su tanti disturbi che, se trascurati, nel tempo possono diventare cronici e causare problemi ben più seri. Per il futuro, stiamo già programmando altri eventi simili: è infatti grazie a iniziative come questa che possiamo costruire davvero un'alleanza con il territorio coinvolgendo cittadini, medici di base, istituzioni e altri partner strategici: un modello esportabile su scala nazionale.

Per vedere le foto dell’open day ed essere aggiornato su novità e prossime iniziative, clicca mi piace sulla pagina Facebook del poliambulatorio Apollodoro.

twitter

Newsletter

La newsletter consente di ricevere tutti gli aggiornamenti del sito.