immagine

Test sierologico per Covid-19

Presso il laboratorio analisi del poliambulatorio Apollodoro puoi effettuare il test sierologico per la ricerca degli anticorpi IgG ed IgM anti Sars-CoV-2, responsabile dell’infezione da Coronavirus. Il test viene eseguito con metodica altamente performante (CLIA – Chemiluminescenza). Disponibili anche i tamponi molecolari e i test antigenici (tampone rapido).

Prenotazioni

Non è necessaria la prescrizione medica, né la prenotazione: ti puoi presentare direttamente al poliambulatorio dal lunedì al venerdì, ore 8:00-12:00. Non occorre essere a digiuno.

Costi

  • € 17,50 per singola analisi, per gli assistiti della mutua Casagit Salute
  • € 20,00 per singola analisi, per tutti gli altri pazienti

Come si esegue il test

Il test sierologico viene eseguito mediante un semplice e rapido prelievo di sangue venoso.

Referto

Risposta entro 24 ore. Puoi scaricare il referto direttamente dal sito del poliambulatorio (area referti), oppure puoi ritirarlo di persona alla nostra reception.

Il test sierologico: cos’è e a cosa serve

L’esame sierologico non è un test diagnostico.

Il test rileva, come detto, la presenza di anticorpi che il tuo organismo produce nel momento in cui entra in contatto con il virus.

Si tratta di un esame importante nello screening e nella valutazione epidemiologica dell’infezione e non sostituisce in alcun modo il test molecolare (PCR real-time) basato, invece, sull’identificazione del RNA virale attraverso il tampone naso-faringe.

La misurazione degli anticorpi IgM e IgG
I test sierologici indagano la presenza degli anticorpi per Sars-CoV-2 nel sangue.

  • IgM: prodotti nella fase iniziale dell’infezione, solitamente si rilevano al 4°-6° giorno dall’esordio della sintomatologia e scompaiono dopo qualche settimana. La loro presenza può permettere l’identificazione di soggetti con potenziale infezione in corso
  • IgG: vengono prodotti più tardivamente (9°-15° giorno), rimanendo nell’organismo più a lungo. La rilevazione di questa classe di anticorpi identifica soggetti che hanno già contratto l’infezione e, quindi, potenzialmente “protetti” o “meno suscettibili” ad una re-infezione. Il tema di una possibile immunità e la sua eventuale durata, legata alla presenza di tali anticorpi, è attualmente oggetto dei più importanti studi della comunità scientifica.


ATTENZIONE!

L’indagine di siero-prevalenza (ricerca degli anticorpi nel sangue) è complementare, non diagnostica e non sostituisce il tampone molecolare (PCR real-time).

Il risultato negativo del test sierologico non esclude del tutto la possibilità di infezione da Coronavirus. Se il prelievo ematico viene eseguito nella fase iniziale dell’infezione stessa (pre-sieroconversione), infatti, l’esito può essere ancora negativo.

In caso di positività, devi contattare immediatamente il tuo medico di base per eseguire il test molecolare di conferma. È obbligatorio osservare il periodo di isolamento fino alla comunicazione del risultato del tampone, come da direttive delle autorità sanitarie nazionali e regionali.

Infine, i test sierologici non costituiscono una certificazione dello stato di malattia, contagiosità o guarigione: la diagnosi definitiva deve essere sempre formulata da un medico, tenendo conto dei tuoi dati clinici e anamnestici.